CHIEDI UN PREVENTIVO
Tel: 0039.0575.383429 - Email: info[at]sintraconsulting.it
Sintra Consulting srl
partner, collaboratori Sintra Consulting

Università degli Studi di Firenze
Conv. 20 Novembre 2004


Visualizza informazione
Home Studi e ricerche Tesi per argomento IacopoPecchi
IACOPO PECCHI
Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali 
Anno Accademico 2004-2005 
Candidato: Iacopo Pecchi 
Relatore: Prof. Michele Loreti 
Tesi di laurea in Informatica
 

Prototipo di Applicazione per la Firma Digitale

La diffusione di Internet ha reso ancor più impellente il bisogno di proteggere i dati disponibili in formato elettronico; è nata quindi l'esigenza di rendere privati e segreti i dati scambiati tra comunicanti remoti; con il passare del tempo e con la maturazione degli utenti della rete, ovvero con il diffondersi della fiducia nelle nuove tecnologie, alla segretezza dei dati si sono affiancati anche i termini di identità ed autenticità. Internet si sta ormai facendo sempre più spazio nella nostra società ed è ormai visto non solamente come un mezzo di informazione, ma come uno strumento mirato al miglioramento delle nostre vite, alla semplificazione delle nostre radicate routine quotidiane; con il diffondersi delle operazioni commerciali sul Web è nata la necessità di certificare la nostra identità, assicurando l'interlocutore sulla corrispondenza tra chi siamo e chi dichiariamo di essere. Lo strumento più semplice disponibile per questa operazione è la firma: strettamente personale, univoca e (almeno teoricamente) non riproducibile. Oggigiorno ci si propone di portare questo concetto nel mondo informatico creando un sistema che dia valore giuridico ai documenti elettronici. In questo modo le Pubbliche Amministrazioni potranno rendere disponibili procedure remote e semiautomatiche che consentiranno di ottenere tutto ciò che normalmente arriva solo dopo una visita all'ufficio, qualche ora di coda allo sportello e una discussione con il funzionario di turno. Lo stesso dicasi per tutti gli altri tipi di enti pubblici e privati i quali, avendo la possibilità di accertare l'identità dell'interlocutore, non tarderanno a predisporre la più ampia varietà di servizi telematici personalizzati. Il mezzo che ci permette di rendere manifesta l'identità di una parte e di provare l'integrità dei dati scambiati nella rete è la Firma Digitale, un insieme di matematica applicata a leggi che grazie all'informatica riesce ad essere uno strumento che diverrà di fondamentale importanza per i cittadini nell'immediato futuro. Il primo compito di questa è quindi spostare il dialogo ufficio-cittadino su reti come Internet, avendo come conseguenza l'azzeramento dei tempi di attesa, la possibilità di usufruire dei servizi continuati, l'immediato aggiornamento delle banche dati e per ultimo la possibilità, per i dipendenti degli uffici, di concentrarsi sulla qualità dei servizi. Agendo in un panorama legislativo italiano in campo di Firma Digitale che solamente adesso si sta stabilizzando con le varie direttive del Codice dell'Amministrazione Digitale in questa tesi si è sviluppato un prototipo di Applicazione per la Firma Digitale in grado di firmare documenti con l'utilizzo di dispositivi crittografici sicuri, quali le smart card, e di verificare la firma apposta sui file rispettando le politiche italiane in merito, ovvero garantendo la compatibilità con i software rilasciati dai vari Certificatori Accreditati. E' stata scelta la parola "prototipo" di applicazione in quanto questo progetto può essere considerato una macchina di prova, un programma diseganto per scopi dimostrativi.Vi sono anche altri motivi legati all'utilizzo di questo termine ed essi sono tutti dovuti alle differenze che il progetto ha con l'Applicazione Certificata e riconosciuta legalmente per la firma digitale qual'è l'Applicazione FirmaOK!gold di Poste Italiane, differenze che la rendono per certi aspetti peggiore e migliore di quella di PosteCert (Poste in campo di Firma Digitale). L'applicazione di Postecert è stata il modello funzionale sul quale si è basata la costruzione e lo sviluppo dell'applet sia dal punto di vista progettuale/implementativo che di usabilità. Non si vuole però focalizzare l'attenzione su quale applicazione può essere la migliore, ( anche perchè il prototipo sviluppato implementa solo alcune delle funzionalità disponibili in FirmaOK!gold ), ma quali interessanti caratteristiche un'applicazione di firma come FirmaOK!gold potrebbe indurre/integrare per migliorare la portabilità e la interoperabilità con i vari dispositivi. Tutto ciò solamente un primo passo in avanti verso il futuro della firma digitale, un mondo che per adesso è legato ad una ristretta classe di utilizzatori legati alle Pubbliche Amministrazioni, ma che a breve, con l'informazione sulle sue potenzialità, sulle sue sicurezze ed insicurezze potrà essere compreso ed utilizzato da tutti.

Tecnologie sviluppate
I Partner della ricerca
Tesi per argomento
2000-2014 © Sintra Consulting srl P.Iva: 01671150512 Ultimo aggiornamento: 29/10/2014 C.C.I.A.A. R.E.A. AR-130275 ; C.F. e Registro Imprese 01671150512
P.IVA: 01671150512 - Capitale sociale Euro 10.000 i.v